giovedì 21 maggio 2015

"IncontrARTI" al Palazzo Civico delle Arti

Terzo appuntamento con la Rassegna "IncontrARTI" presso il Palazzo Civico delle Arti ad Agropoli (Via C. Pisacani, Ex Pretura, zona Porto), curata dalla professoressa Antonella Nigro, critico d'arte.
Protagonista sarà l'elemento acqua.
Antonella Nigro presenta: "I miti dell'acqua. Sirene e ninfe".
Interventi di Flaminia Arcuri, Milena Esposito, Pasquale Fernando Giuliani Mazzeo.
Biancarosa Di Ruocco interpreta "Erkula", testo di Milena Esposito.
Esposizione delle opere di Viktorya Macrì e Gennaro Ricco.
Appuntamento a venerdì 22 maggio alle ore 18 e 30.


mercoledì 20 maggio 2015

"Cuccipannédda" a "Il Maggio dei Libri": le foto

Ecco le foto che testimoniano il successo de "Il Maggio dei Libri" presso la Sala dei Francesi del Castello di Agropoli, lo scorso 9 maggio.
La Casa editrice "L'ArgoLibro" e l'Associazione artistico-letteraria "Gli Occhi di Argo" ringraziano il Comune di Agropoli, l'Assessorato alle Politiche per l'Identità Culturale, gli autori dell'opera, le attrici dell'Associazione culturale "Amici di Ennio Balbo", i dirigenti, i professori e gli alunni del I Circolo Didattico "Gino Landolfi" e dell'Istituto Comprensivo Agropoli-San Marco.

Qui trovate la pagina dedicata a "Cuccipannédda & Altre Fiabe Cilentane".
Una nuova presentazione dell'opera si terrà sabato 6 giugno alle ore 18:30 presso la Libreria L'ArgoLibro, ad Agropoli in Viale Lazio 16 (zona sud, adiac. Via Salvo D'Acquisto, nei pressi del Centro per l'Impiego).
Per qualsiasi informazione: largolibro@gmail.com - 3395876415











martedì 19 maggio 2015

Le foto de "Le cronache di Ukkr e Ohrr" a L'ArgoLibro

Sabato sera la Libreria indipendente L'ArgoLibro ha presentato il progetto editoriale "Le cronache di Ukkr e Ohrr" dell'artista Ookci, presentato insieme al magnifico Teatro delle Ombre dell'Associazione culturale "Artéteca".
Fino a fine giugno è possibile prenotare una copia in pre-stampa dell'opera, con uno sconto significativo sul prezzo di copertina. Cliccate qui per tutte le info sul progetto.
Ecco le foto dell'incontro di sabato.













lunedì 18 maggio 2015

"La rivoluzione delle verdure e altri racconti": la recensione di Annamaria Perrotta



Ecco la recensione che la professoressa Annamaria Perrotta ha scritto per "La rivoluzione delle verdure e altri racconti" di Nicola Gregorio, letta durante la presentazione del 15 maggio presso la Libreria L'ArgoLibro. Qui trovate le foto dell'incontro.

Sfogliare la raccolta di Nicola Gregorio, "La rivoluzione delle verdure e altri racconti" ha il sapore della convivialità, il profumo della natura, l'eco di antiche storie raccontate davanti al camino. Sicuramente l'aspetto bucolico si presenta per primo all'attenzione del lettore, ma ben presto ci si accorge che l'autore, navigando su acque antiche, come quelle legate alla tradizione favolistica, che vede gli animali rappresentati con caratteristiche comportamentali umane, si cimenta, in modo garbato, ma non per questo poco incisivo, nel campo dell'allegoria, che sottende i vari sentimenti umani.   
Il mondo di Gregorio è un caleidoscopio di colori, di profumi, in cui animali, uomini, vegetali e creature fantastiche interagiscono con tutte le peculiarità umane. Ed ecco sulla scena appare la gelosia, la lealtà, la voglia di impegnarsi per dare il meglio, ma anche l'opportunismo e il rifiuto della diversità.  
Il lieto fine c'è ed è frutto di equilibrio e saggezza, nulla è affidato al caso. Il tono pacato, lo spazio lasciato alla riflessione, la morale insita nei racconti,  ci portano sui sentieri dei buoni sentimenti, dei valori fondamentali dell'esistenza che oggi, nell'epoca del mordi e fuggi, dell'apparire, del privato che diventa pubblico, della omologazione dei pensieri e delle ideologie senza idee, ha il sapore dell'anticonformismo.
Sì, il giovane autore rema controcorrente e questo aspetto rende il suo lavoro molto interessante. E quindi le verdure che si ribellano all'oppressione degli umani potrebbero rappresentare il grido della natura schiacciata dalla prepotenza dell'uomo, che sfrutta e non rispetta, che altera gli equilibri che sono alla base della vita. Ognuno sicuramente può interpretare come crede certe dinamiche narrative, ma credo che il lavoro di Nicola Gregorio tenda ad una ricerca di equilibrio, di armonia, a mettere le cose nel posto giusto, come si farebbe ordinando una dispensa,   senza trascurare la diversità dei vari elementi.
E allora mettiamoci comodamente seduti e gustiamo questi racconti profumati di erba e fiori, impreziositi dai bei disegni di Claudia Nastro, ma arricchiti anche di buona cucina. Infatti ogni racconto è accompagnato da una ricetta gustosa che sembra  un invito dell'autore a stare insieme, a fare comunità, a rinsaldare legami, a condividere  le proprie esperienze e i propri pensieri, tra una porzione di risotto con le verdure e una fetta di melanzane con patate. E anche questo aspetto contrasta con l'individualismo che porta a rintanarsi nel proprio piccolo mondo, a lesinare anche un saluto, che invece è sempre stato indice di civiltà  e che ci ricorda la fraterna agape delle nostre radici, delle nostre tradizioni, di un mondo che non è così lontano come sembra, perché lo ritroviamo in un sorriso, in una stretta di mano, in un profumo e in un racconto.

Bravo Nicola.
Annamaria Perrotta

domenica 17 maggio 2015

Lunedì Poesia - Elisabetta Mattioli



Celare (forse)

Ti sento con gli occhi
che scivolano senza sosta
lungo la pelle
lasciata esposta
al sole notturno
e alle tua dita sottili
Ti sento con gli occhi
che percepisco violentemente
fino alla penetrazione
della mia intimità
nel crocevia dei sensi
Ti sento con gli occhi
che percorrono avidamente
ogni angolo segreto
del mio essere
pur lasciando (ancora) celato
l’ultimo affranto roccioso

Il “celare” di Elisabetta Mattioli sfocia presto in quel “(forse)” che ha tutto il sapore dell’arrendevolezza, in una poesia che trasmette sensualità fin dai primi versi. Versi che descrivono tutta la forza del desiderio che vuole superare, violare l’intimità. Non a caso la poetessa insiste sull’immagine degli occhi, più che su altre, per parlarci di un desiderio che comunque rispetta, attende l’arrendevolezza.
Elisabetta Mattioli sa descrivere l’attrazione sensuale con molta bravura, con una capacità descrittiva che non sfocia mai nella volgarità, pur lasciando trasparire nettamente tutta la prorompenza di un’urgenza che chiede di essere soddisfatta. Ad aprire e chiudere, due parole tra parentesi che testimoniano la volontà di prolungare l’attesa.

Per contattare l’autrice: elyamatty@gmail.com

Della stessa autrice: Non dimenticare di spogliarti

Scrivi poesie?
 Leggi il bando di Lunedì Poesia
Per i tuoi racconti brevileggi qui il concorso adatto per te!


sabato 16 maggio 2015

"A Testa Alta" con Rita Maria Lepore: le foto

Un quadro - di particolare luminosità - raffigurante il pane e un naso in cartapesta ci invitano alla nuova mostra della Rassegna "A Testa Alta", inaugurata lo scorso mercoledì presso la Libreria indipendente L'ArgoLibro ad Agropoli, e dedicata all'artista Rita Maria Lepore
La mostra è curata da Marisa Russo, giornalista, artista, critico d'arte, che durante il vernissage ha sottolineato i percorsi simbolici della Lepore.
Al termine, i presenti hanno potuto gustare panini al cumino, che si rifanno ad una particolare simbologia: il legame protratto nel tempo.Qui potete leggere l'articolo che Marisa Russo ha scritto per "Cilento Notizie".
La mostra "Dalla rosa al rosmarino: Inspirazioni ed Ispirazione" è visitabile fino alla mattinata di sabato 23 maggio.
L'ArgoLibro: Libreria - Casa editrice - Eventi. Siamo ad Agropoli (SA) in Viale Lazio 16 (zona sud, adiac. Via Salvo D'Acquisto, nei pressi del Centro per l'Impiego; infoline 3395876415)
Ecco le foto dell'inaugurazione.


















giovedì 14 maggio 2015

Passa un libro: passi le tue emozioni


Dedicato a tutte quelle donne che hanno avuto la fortuna di trovare in un libro una scintilla di emozione o di riflessione; che vi hanno trovato le parole per descriversi o la forza per definirsi.
È il momento di incontrarci e di scambiarci queste esperienze e questi volumi. E di moltiplicare queste emozioni.


Mercoledì 27 maggio alle ore 18:30, presso la libreria indipendente L’ArgoLibro di Agropoli, ognuna di noi potrà portare un libro che è  stato importante per lei e, se vuole, leggerne un brano che ama particolarmente... poi potrà  lasciarlo in regalo, a disposizione di un’altra donna, o prestarlo, o semplicemente indicarne il titolo.
Aperto anche a tutti gli uomini che abbiano voglia di ascoltare.
A cura dell’Associazione femminista ARTEMIDE di Paestum. 

Info  328.3676410 -  345.3171048

L'ArgoLibro: Libreria - Casa editrice - Eventi
Ad Agropoli in Viale Lazio 16
(zona sud, adiac. Via Salvo D'Acquisto,
accanto a Ricambi auto Iannuzzi)
Infoline: 3395876415

martedì 12 maggio 2015

"Le cronache di Ukkr e Ohrr" a L'ArgoLibro

Il Teatro delle Ombre
dell'Associazione ArtèTeca
racconta
LE CRONACHE DI
UKKR E OHRR
di OOkci


Un nuovo appuntamento per grandi e bambini
con il fascino del racconto orale e della
"macchina delle ombre"...

Libreria indipendente L'ArgoLibro
Viale Lazio, 16
(zona sud, adiac. Via Salvo D'Acquisto,
nei pressi del Centro per l'Impiego)
Agropoli (SA)
Infoline: 3395876415
Ingresso libero

Evento legato alla presentazione del progetto
"Produzioni dal Basso"
per la pubblicazione dell'opera

L'ArgoLibro: largo ai buoni libri e ai buoni eventi!

lunedì 11 maggio 2015

Concorso KERAMOS - Posticipato al 25 maggio!



Un grande Concorso nazionale che prevede per i vincitori l’installazione permanente della propria poesia, su ceramica, presso il Centro storico di Agropoli (Salerno).

L’Associazione Artistica e Letteraria "Gli Occhi di Argo", in collaborazione con la Casa editrice/Libreria indipendente “L’ArgoLibro”, con il Centro Artistico “KERAMOS” di Antonio e Andrea Guida, con il Patrocinio del Comune di Agropoli (SA), organizza la Quinta Edizione del Premio Nazionale di Poesia “KERAMOS”, articolato nelle seguenti sezioni:

- Sezione A : Poesia dedicate alla Dea Madre e/o al Mito Greco.
- Sezione B : Poesia dedicate al fuoco e/o alla terra.
- Sezione C : Poesia dedicate al mare e/o alla luna.
- Sezione D : Poesia dedicate al Cilento.

L'argilla è la materia per fare la ceramica. Keramos, in greco, vuol dire "argilla" o meglio indica l'oggetto di ceramica finito. Nella mitologia Keramos era il dio protettore dei ceramisti cioè di coloro che lavoravano l'argilla. Dio notturno e mediterraneo del fuoco e della Terra. A lui è dedicato questo Concorso.

1. È possibile partecipare ad una o più sezioni con una sola poesia inedita per sezione (LUNGHEZZA MAX 8 VERSI, SONO CONSIGLIATI VERSI BREVI) da inviare via e-mail all’indirizzo: occhidiargo@hotmail.it oppure largolibro@gmail.com  corredata di allegato contenente i dati anagrafici, indirizzo completo, numero telefonico e la dichiarazione che l'opera presentata al Premio di Poesia “KERAMOS” è inedita e frutto del proprio intelletto.

2. Per ogni sezione alla quale si partecipa è richiesto un contributo di € 10,00 da versare sul conto Postepay o bonifico bancario, ecco i dati di riferimento:

Postepay:
FRANCESCO SICILIA
numero carta: 4023 6006 4045 4684
Codice fiscale: SCLFNC69E19A091G

Codice IBAN:
L’Argolibro Editore di Francesco Sicilia
IBAN IT21 D070 6676 0200 0000 0410 702

3. Le poesie devono pervenire entro e non oltre il 25 maggio 2015. L’e-mail deve essere completata da tutti i dati dell'autore, incluso indirizzo e numero di telefono. L'oggetto della mail deve riportare il nome Keramos e la lettera della sezione o delle sezioni scelte.

4. I nominativi della giuria, il cui giudizio è insindacabile ed inappellabile, saranno resi noti il giorno della cerimonia di premiazione che si terrà ad Agropoli (Sa) nell’estate 2015, seguirà cerimonia di affissione delle Ceramiche Artistiche.

5. I vincitori saranno premiati con una Targa di Ceramica Artistica sulla quale sarà trascritta a mano la propria poesia, con la pubblica lettura durante la premiazione, con un Attestato di Merito e con la pubblicazione della poesia sulle copie de I 2MILA SEGNALIBRI.

6. Le Targhe di Ceramica Artistica saranno realizzate dallo Studio d’Arte Guida e non saranno consegnate agli autori ma, in una pubblica manifestazione, saranno affisse ai muri della Città di Agropoli.

7. Tutte le spese di partecipazione restano a carico dei partecipanti.

8. L'organizzazione si riserva la facoltà di pubblicare e divulgare, a propria discrezione, gli elaborati pervenuti senza che gli autori abbiano nulla a pretendere come diritto d'autore.
I diritti rimangono comunque di proprietà dei singoli autori.

9. La partecipazione al Premio implica la conoscenza e la piena accettazione del presente regolamento, l'inosservanza costituisce motivo di esclusione.

10. In relazione agli articoli 13 e 23 del D.lg n. 196/2003, l'organizzazione del Premio assicura che i dati personali acquisiti vengono trattati con la riservatezza prevista dalla legge e saranno utilizzati esclusivamente per l'invio di informazioni culturali e per gli adempimenti inerenti il concorso.


11. Per qualsiasi ulteriore informazione: occhidiargo@hotmail.it - largolibro@gmail.com - 3395876415 - 3292037317


domenica 10 maggio 2015

Auguri a tutte le mamme!

Giorgio Polykratis, “Madre e figlio”


Supplica

È difficile dire con parole di figlio
ciò a cui nel cuore ben poco assomiglio.

Tu sei la sola al mondo che sa, del mio cuore
ciò che è stato sempre, prima d’ogni altro amore.

Per questo devo dirti ciò ch’è orrendo conoscere:
è dentro la tua grazia che nasce la mia angoscia.

Sei insostituibile. Per questo è dannata
alla solitudine la vita che mi hai data.

E non voglio esser solo. Ho un’infinita fame
d’amore, dell’amore di corpi senz’anima.

Perché l’anima è in te, sei tu, ma tu
sei mia madre e il tuo amore è la mia schiavitù:

ho passato l’infanzia schiavo di questo senso
alto, irrimediabile, di un impegno immenso.

Eri l’unico modo per sentire la vita,
l’unica tinta, l’unica forma: ora è finita.

Sopravviviamo; ed è la confusione
d’una vita rinata fuori della ragione.

Ti supplico, ah, ti supplico: non voler morire.
Sono qui, solo, con te, in un futuro aprile…

Pier Paolo Pasolini




giovedì 7 maggio 2015

"Cuccipannèdda" al Castello di Agropoli

Con il Patrocinio del Comune di Agropoli
Assessorato alle Politiche per l'Identità Culturale

Sabato 9 maggio 2015 – ore 16:00
Sala dei Francesi
Castello Angioino-Aragonese
Centro storico, Agropoli (SA)


Presentazione del volume
Cuccipannèdda
&
 Altre Fiabe Cilentane
A cura di
Fernando La Greca

Prefazione di Antonella Nigro
Traduzione inglese di Giovanna Della Porta
In copertina e nelle pagine interne: disegni di Milly Chiarelli
Fotografie di Sandy e Dave Thurmond


La raccolta comprende testi popolari e dialettali del Cilento, il territorio a sud della provincia di Salerno. I testi sono tratti da registrazioni e filmati effettuati dal 1980 al 1984, ed è presente la trascrizione dialettale accanto alla traduzione italiana (un italiano invero molto "regionale", per mantenere l'immediatezza del dialetto)
ed alla traduzione inglese.
Se è vero che storie simili si raccontano anche altrove, la “cilentanità” delle fiabe è data appunto dalla piena appartenenza al Cilento delle tre narratrici, per cui il sapore locale si ritrova nelle espressioni dialettali, nell’ambientazione, nel riferimento a paesi, colline, valloni, boschi, monti, e ad usi, costumi,
tradizioni tipiche della vita quotidiana contadina.
(dalla prefazione di Fernando La Greca)

Rappresentazione teatrale delle fiabe a cura di
Giovanna Chirico
e dell’Associazione Culturale
Amici di Ennio Balbo

Presentazione dei lavori realizzati durante i laboratori
Confabuliamo” e “A spasso per i mondi incantati
dei bambini della Scuola del I Circolo Didattico “G. Landolfi”
e dell’Istituto Comprensivo Agropoli-San Marco


mercoledì 6 maggio 2015

Bruno Mautone alla Fiera internazionale del libro di Skopje (Macedonia)



Il saggio dell’autore cilentano Bruno Mautone, dedicato al compianto e talentuoso cantautore Rino Gaetano, rappresenterà, assieme ad un paio di altri titoli, l’Italia alla Fiera internazionale del libro di Skopje, in Macedonia, che si terrà nella seconda settimana del corrente mese di maggio 2015.
Lo stand italiano dell’importante manifestazione editoriale ospiterà “Rino Gaetano, la tragica scomparsa di un eroe”, pubblicato da L‘Argolibro, un titolo che offre uno spaccato particolare di storia e di cronaca della Italia degli anni sessanta e settanta e che sta incontrando il favore e l’interesse di tanti lettori, risultando, infatti, da oltre un anno uno dei libri più venduti in Italia on line.
Gli intriganti riferimenti a tale periodo contenuti nel libro hanno portato le principali università della giovane nazione della ex Jugoslavia ad invitare Mautone a tenere due conferenze, presso la cattedra di italianistica della Facoltà di Filologia, atenei di Skopje e di Tetovo, il 6 e il 7 maggio 2015, incentrate sul tema “Il coraggio di un cantautore nell’Italia delle trame e dei misteri”.
L’Italia e la sua storia suscitano particolare interesse nelle nazioni del c.d Est-Europa, Paesi del resto che hanno avuto sin dalla antichità “destini” che spesso incrociavano con le sorti del “Bel Paese”. Nell’ambito di tale aspetto l’opera di Rino Gaetano legata alla narrazione nei propri testi , in modo alquanto criptico, di accadimenti di rilevante importanza nella politica e nella cronaca italiana ha comportato gli inviti al neo-scrittore cilentano, culminati con le conferenze presso le più prestigiose sedi universitarie macedoni, oltre alla presenza del saggio di Mautone alla Fiera Internazionale del Libro organizzata nella capitale della antica terra già di Alessandro Magno.
Insomma i riflettori sulla pubblicazione non si spengono considerando, altresì, che Bruno Mautone nel prossimo mese di giugno ha ricevuto invito a partecipare ad un format giornalistico in TV dedicato alla figura di Rino Gaetano.
Il programma televisivo sarà rivolto ad esaminare le interessanti sfaccettature della opera artistico-musicale di quest’ultimo nonché ad illustrare incongruenze che sembrano caratterizzare il tragico incidente stradale che ne causò a soli 30 anni la prematura morte, il 2 giugno del 1981. In quella notte fatale si spegneva la coraggiosissima voce di un autore che fustigava con fine intelligenza e con ironia senza remore i potenti dell’epoca, con contenuti e messaggi, tuttavia, ancora oggi attualissimi.

(articolo tratto da www.agropolinews.it)